Comune di Tito

Emissione della carta d'identità elettronica

Tito si aggiunge alla lista delle città italiane dove i residenti potranno richiedere la carta d'identità elettronica, che sostituisce quella cartacea e presenta un elevato grado di sicurezza.

La carta d'identità elettronica a differenza della carta d’identità tradizionale, è una tessera di forma rettangolare molto simile ad una carta di credito o alla patente. Ma non è soltanto l’aspetto ad essere cambiato: oltre ai dati anagrafici e alla foto in formato digitale, nella carta d’identità Elettronica sarà possibile inserire una serie di informazioni in più.

Nello specifico, il nuovo documento d’identità conterrà anche il codice fiscale dell’intestatario, le impronte digitali e gli estremi dell’atto di nascita. I cittadini che richiederanno il rilascio della CIE potranno inoltre aggiungere alla memoria del microchip elettronico anche la volontà di essere donatore di organi e l’abilitazione all’utilizzo dei servizi della Pubblica Amministrazione mediante l’inserimento della propria firma digitale.
Ha la duplice funzione di documento di identificazione del cittadino e di documento di viaggio valido in tutti i paesi appartenenti all'Unione Europea e in quelli con cui lo Stato Italiano ha firmato specifici accordi.
La carta d’identità cartacea non potrà più essere emessa, salvo casi eccezionali previsti da apposite circolari ministeriali, ma quelle in corso di validità rimarranno valide fino alla data di scadenza.
Il cittadino che richiede la carta d'identità deve recarsi all'Ufficio Anagrafe munito di fototessera recente, massimo sei mesi, in formato cartaceo o elettronico su un supporto usb: la fototessera dovrà essere dello stesso tipo di quelle utilizzate per il passaporto.

All’atto della richiesta dovranno essere presentati al Comune i seguenti documenti:

  • carta di identità scaduta o in scadenza, da presentare in caso di rinnovo della carta di identità;
  • denuncia di furto o smarrimento resa presso le Autorità competenti, in caso di furto o smarrimento della carta di identità;
  • documento di riconoscimento: passaporto, patente, libretto della pensione con foto, in caso di furto, smarrimento o distruzione della carta d’identità;
  • dichiarazione sostitutiva di atto notorio attestante il deterioramento della carta d’identità, qualora la richiesta di carta d’identità sia a seguito del deterioramento della carta d’identità stessa;
  • carta di identità deteriorata, in caso di deterioramento della carta di identità.

Nel caso di primo rilascio bisognerà invece esibire all’operatore del Comune un altro documento d’identità in corso di validità e, se non si è in possesso di alcun documento, bisognerà essere accompagnato da due testimoni.
L'ufficiale acquisisce i dati biometrici (impronte digitali e fotografie), la firma, l'eventuale volontà di donare organi e tessuti e controlla che non vi siano cause ostative al rilascio di un documento valido per l'espatrio. Dopo queste operazioni, l'ufficiale invia tramite il web la richiesta di produzione della carta al ministero e rilascia al cittadino una ricevuta che comprende la prima parte di un codice Pin/Puk che permetterà di utilizzare la carta e usufruire di tutti i servizi della pubblica amministrazione che richiedono l'autenticazione in rete. In questa fase il cittadino dichiara anche all'Anagrafe un proprio indirizzo per il successivo recapito della carta o richiedere che la consegna della stessa avvenga direttamente all'Anagrafe del Comune.

L'Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato, entro sei giorni lavorativi dalla richiesta, consegna all'indirizzo dichiarato dal cittadino un plico contenente la nuova carta d'identità e la seconda parte del codice Pin/pUK.
Le Poste farà tre tentativi di consegna e in caso di impossibilità di recapito depositerà nei propri uffici per 60 giorni avvisando il cittadino.
Nel caso in cui non si ritiri il plico, la tessera verrà restituita all'istituto che annullerà la carta e ne darà notizia all'Anagrafe.
Considerati i tempi di consegna della nuova carta, i cittadini interessati devono chiedere in anticipo l'emissione del nuovo documento elettronico visto che non sarà più possibile il rilascio a “vista” né della carta elettronica e nemmeno di quella cartacea.

La nuova carta costerà 22,00 di cui euro 16,79 da versare allo Stato per il ristoro delle spese di gestione sostenute, comprese quelle di consegna del documento, ed euro 5,21 per diritti fissi e di segreteria.
La validità della carta di identità elettronica varia in base alle fasce d’età di appartenenza del cittadino che presenta richiesta.
Nel dettaglio la validità varia nei seguenti modi e casi:
• 3 anni per i minori di età inferiore a 3 anni;
• 5 anni per i minori di età compresa tra i 3 e i 18 anni;
• 10 anni, ovvero la durata tradizionale del documento d’identità, per i maggiorenni.

Per ulteriori informazioni
www.cartaidentita.interno.gov.it

Torna ad inizio pagina
©2008-2018 Comune di Tito - Realizzato da Generazione Zero / Webmega -Internet Solutions-